Azimut Cooperativa Sociale di Solidarietà – Spalto Gamondio, 55 – 15121 Alessandria, Italia

Anziani

Anziani

Progetto “Resto a Casa” Il progetto è attivo dal 2017 grazie al sostegno economico di Unicredit Foundation e con la collaborazione del Comune di Novi Ligure. La sperimentazione si propone di prevenire l’stituzionalizzazione degli anziani fornendo loro concreti strumenti per una loro confortevole permanenza a casa. Le attività si svolgono in base a due assi operativi:

1) L’assistenza familiare condivisa. Si tratta di un modello di gestione dell’assistenza che prevede la condivisione del servizio di assistenza da parte di più persone residenti in uno stesso stabile o quartiere. E’ una metodologia che consente di far fronte con flessibilità alle reali esigenze degli assistiti, siano queste l’assistenza per alcune ore durate la giornata, un aiuto in casa o semplice compagnia. Le assistenti familiari coinvolte sono coordinate da Azimut e sono selezionate al termine di un percorso formativo specifico

2) Attività specifiche rivolte alla terza età. Sono organizzate attività finalizzate a rendere più attiva e stimolante la vita a casa, a far scoprire nuovi stili di vita, a promuovere il benessere psicofisico e la socialità (es: corsi di ballo, ginnastica dolce, yoga, pittura, teatro ecc.)

Lo Sportello Informativo “Assistente familiare condivisa” si trova preso il Punto Giovani di Novi Ligure (Via Marconi 66, Biblioteca Civica), ed è aperto il martedì mattina dalle 9,30 alle 12,30. tel. 333/1972246 mail: areaprogettiazimut@gmail.com.

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/restoacasaazimutcoop/

Pagina Instagram:  www.instagram.com/azimut_cooperativa/

 

logo Resto a casa

Sportello per assistenti familiari e famiglie (finanziato da Cissaca di Alessandria). ATTIVITA’ CONCLUSA NEL 2016 Il servizio è un punto di riferimento per le famiglie con anziani non autosufficienti che cercano assistenti familiari qualificate per risolvere i loro problemi quotidiani di assistenza. Lo sportello mette a loro disposizione nominativi di assistenti già testate e verificate, favorisce il perfezionamento del rapporto lavorativo e continua in itinere a costituire un punto di riferimento istituzionale per le parti coinvolte (sostituzioni in casi di ferie o malattie, mediazione in caso di conflitti o incomprensioni ecc.). Il servizio sostiene ed ospita a cadenza bisettimanale  gruppi di auto-mutuo aiuto tra le donne straniere che si trovano spesso ad affrontare situazioni di forte difficoltà e precarietà a causa della solitudine, delle difficoltà di integrazione culturale, della precarietà della loro condizione lavorativa, soggetta a variabili spesso non prevedibili.

Servizio S.A.D.  ATTIVITA CONCLUSA (finanziato da ASCA dell’Acquese). Si tratta di un servizio di assistenza domiciliare svolta da un’équipe di operatori  O.S.S. a favore di circa 60 anziani segnalati dal servizio sociale. L’attività svolge un ruolo fondamentale nelle politiche di deistituzionalizzazione in quanto, garantendo standard professionali adeguati, eroga attività di cura direttamente presso il domicilio dell’utente, valorizzando l’ambito della sua rete familiare e/o sociale.  Il progetto ha previsto il riconoscimento della centralità della famiglia nella la gestione della non autosufficienza, per cui sono stati garantite varie forme di sostegno al nucleo interessato. Tali iniziative hanno riguardato la fornitura di servizi di sollievo temporaneo, semiresidenziale o residenziale, l’integrazione con nuove tipologie di interventi domiciliari quali la badanza, la collaborazione con il volontariato ed altre forme di cittadinanza attiva.